Come curare la pelle in primavera? Ecco 3 consigli super semplici

Come curare la pelle in primavera? Ecco 3 consigli super semplici

La primavera è la stagione della rinascita, ma per molte persone rappresenta anche un periodo un po’ delicato, che coincide con arrossamenti della pelle, allergie e con irritazioni che fanno capolino a seguito dei primi sbalzi di temperatura.

Ricordiamo infatti che la primavera, è una stagione di mezzo, ovvero un periodo dell’anno in cui abbiamo ancora il riscaldamento acceso e temperature esterne non ancora così calde.

Al contempo il sole delle ore centrali della giornata comincia a scaldare parecchio, mentre alla sera le temperature calano anche vertiginosamente.

Ne risente la pelle, il nostro organo più delicato perché è più esposto agli agenti atmosferici e agli sbalzi di temperatura.

Come curare la pelle in primavera?

Come trattarla per mantenerla idratata, bella e prevenire tutti quei fattori che possono portare all’invecchiamento?

Di base, gli esperti consigliano di procedere con tre azioni, che meritano di essere fatte anche nel corso dell’anno, ma che si rivelano particolarmente importanti da seguire proprio in primavera.

La prima è la detersione, ovvero cercare di pulire il viso con prodotti dolci e rispettosi della pelle, aggiungendo alla routine quotidiana anche uno scrub esfoliante, qualora la tipologia di pelle lo permetta (attenzione se la pelle delicata o presenta couperose).

Lo scrub aiuta infatti a rimuovere in profondità le impurità e prepara la pelle alla rigenerazione, con l’effetto di generare freschezza, luminosità ed elasticità immediate .

$

Come proteggere la pelle in primavera?

$

Come nutrire la pelle in primavera?

Come proteggere la pelle in primavera?

come proteggere la pelle in primavera

Il consiglio per come curare la pelle in primavera è quello di idratarla e, come spesso succede, il modo migliore per farlo è dall’interno.

Da qui il suggerimento di bere almeno 2 l d’acqua naturale al giorno, magari dividendola in otto bicchieri e più durante il corso della giornata.

L’acqua merita di essere scelta in una versione naturale, quindi senza gas che va a gonfiare il corpo, e di essere bevuta a temperatura ambiente, quindi mai fredda per non creare degli shock termici all’organismo.

La seconda via per idratare la pelle in primavera è naturalmente è quella di utilizzare dei prodotti idratanti esterni come delle creme di buona qualità.

Poche persone sanno che la bellezza della pelle passa attraverso la salute del fegato. 

Un corpo che riesce ad eliminare bene le scorie e le tossine, manifesta infatti il suo stato di salute con una pelle pura e luminosa.

Ecco che, in questo caso, risulta particolarmente utile la Zeolite Pura Attivata, un prodotto amatissimo da sempre più persone in tutto il mondo, perché agisce con un vero e proprio effetto detox nel corpo, con effetti immediati anche sulla qualità e sulla bellezza della pelle.

La Zeolite è una polvere minerale che nasce dall’incontro fra la lava vulcanica e l’acqua dell’oceano e funziona come una vera e propria spugna, che va a assorbire tutte le scorie e le tossine presenti nell’organismo.

I residui vengono quindi espulsi naturalmente e l’organismo si scopre depurato, tonico e più leggero, con conseguenti benefici a livello di pelle.

Questa polvere aiuta infatti a trattare tutte le impurità del derma, come brufoli, punti neri e zone particolarmente grasse del viso, aiutando il derma a ritrovare il suo naturale equilibrio.

Come curare la pelle in primavera con rimedi naturali?

La risposta arriva quindi dalla  zeolite, che aiuta a ristabilire la bellezza della pelle e, al contempo lavora per depurare l’organismo nel suo insieme.

Come nutrire la pelle in primavera?

come trattare la pelle in primavera

Il terzo consiglio per come curare la pelle in primavera e rigenerarla in questa splendida stagione è quella di nutrirla.

Il nutrimento è alla base di una pelle sana, compatta, densa, per questo è importante assumere i prodotti giusti al momento giusto : )

È importante considerare che i componenti della pelle più “delicati” sono due: il primo è l’acido ialuronico e il secondo è il collagene.

L’acido ialuronico è un componente fondamentale dei tessuti connettivi, che garantisce l’idratazione e nutrimento ottimale del derma.

Purtroppo, dai 25 anni su il corpo smette di trattenerlo e occorre quindi assumerlo con specifici prodotti.

La risposta arriva dall’Acido Ialuronico Colloidale Puro, una formulazione composta da solo principio attivo di altissima qualità e acqua pura bidistillata.

Il punto di forza?

Oltre alla all’alta concentrazione che corrisponde ad un’alta efficacia, l’Acido Ialuronico Colloidale Puro può essere assorbito per via orale, semplicemente spruzzandolo in bocca.

Questo permette alle mucose sublinguali di assorbire il principio attivo, che entra immediatamente in azione nell’organismo, contribuendo ad idratare e nutrire la pelle in modo rapido.

Un altro consiglio per come curare la pelle in primavera

Un altro consiglio prezioso è assumere il collagene.

Possiamo parlare del collagene come di un vero e proprio collante, che con il tempo viene prodotto in quantità sempre minori e genera purtroppo pelle stanca, opaca e più propensa alla formazione delle rughe.

Anche in questo caso, la risposta è nel Collagene Colloidale Puro un prodotto di altissima qualità che quando spruzzato in bocca, viene assorbito velocemente dalle mucose orali ed entra subito in azione, lavorando sulla ridensificazione del derma e aiutando la pelle a vivere al meglio la splendida stagione della primavera.

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
Come curare la pelle in primavera? Ecco 3 consigli super semplici
La bromelina fa dimagrire? Alla scoperta di uno dei re-integratori più ricercati del momento

La bromelina fa dimagrire? Alla scoperta di uno dei re-integratori più ricercati del momento

La bromelina è una preziosa sostanza che viene estratta dalla polpa e soprattutto dal gambo dell’ananas.

Come spesso succede, la natura mette a nostra disposizione dei principi attivi meravigliosi e, in effetti, l’efficacia di questa sostanza, o meglio di questo enzima è stato accertato da diversi studi scientifici.

Basti pensare, all’azione rinfrescante dell’ananas, un frutto che viene spesso consumato a fine pasto, sia per il suo sapore buonissimo, che per il suo effetto digestivo.

Questo succede perché, tecnicamente, la bromelina, favorisce la scissione e la successiva digestione degli aminoacidi a catena lunga o corta, ma è importante assumerla a temperatura ambiente, perché soffre le alte temperature.

Ecco perché gli ananas sciroppati, ad esempio, non hanno le stesse virtù dell’ananas fresco o della Bromelina Colloidale Pura che ti presenteremo fra qualche riga.

In molti ci avete chiesto se la bromelina fa dimagrire e la risposta è , perché questo enzima svolge una potente azione drenante, anticellulite e, di conseguenza aiuta il corpo a sgonfiarsi e a perdere il peso in eccesso.

In questo caso il dimagrimento è inteso come la rimozione dei liquidi in più, ovvero di tutti quei ristagni che solitamente si depositano nei punti critici quali, ad esempio, le cosce e il girovita.

Grazie la sua azione drenante, la bromelina aiuta infatti a sciogliere e quindi a drenare questi liquidi in eccesso, che sono sia fastidiosi, che pericolosi, perché causa degli inestetismi della pelle quali la cellulite e la pelle a buccia d’arancia, chiamata così per la composizione ruvida al tatto.

$

L'azione antinfiammatoria della bromelina

$

Il prodigio della Bromelina Colloidale Pura

L’azione antinfiammatoria della bromelina

bromelina contro le infiammazioni

La bromelina fa dimagrire e protegge e il corpo

Oltre a svolgere una funzione drenante, sgonfiante e favorire di conseguenza la perdita di peso, diversi studi hanno confermato che la bromelina aumenta la produzione delle citochine antinfiammatorie.

Semplificando questo significa che la bromelina aiuta a proteggere il corpo dalle infiammazioni.

Inoltre, la bromelina mantiene le cartilagini in buona salute, perché preserva la produzione di acido ialuronico e delle fibre di collagene.

Con il passare del tempo, il collagene e l’acido ialuronico, vengono infatti prodotti in quantità sempre minori dall’organismo.

Questo succede a partire dai 25 anni di età, quindi integrare la bromelina è una scelta sia di salute che di bellezza, perché questo enzima aiuta a migliorare il tono della pelle, a ristabilire la sua compattezza e, in generale, a idratare il derma in profondità.

L’azione antinfiammatoria della bromelina aiuta inoltre a non consumare medicinali che, delle volte, possono generare dei problemi gastrointestinali.

Si tratta di una scelta naturale, che può essere assunta nel trattamento dei processi infiammatori, su tutti della cellulite (che così viene considerata), ma anche in caso di ematomi, traumi muscolari, problemi articolari, malfunzionamento del sistema venoso e diversi altri stati infiammatori o dolorosi

Come abbiamo visto, la bromelina si trova soprattutto nella polpa e nel gambo dell’ananas, ma consumare questo frutto quotidianamente può risultare difficile, sia per questioni di gusto che di reperibilità.

Come procedere allora con la giusta assunzione quotidiana di bromelina?

Come assumere questo prezioso enzima per prevenire le infiammazioni?

Il prodigio della Bromelina Colloidale Pura

ananas bromelina

Abbiamo visto che assumere quotidianamente il frutto dell’ananas può essere sia scomodo, ma anche sconsigliato nell’ottica di una dieta varia e che comprenda frutta e verdura di stagione.

Come assumere questa prodigiosa sostanza? 

Tanto più nell’ottica che la bromelina fa dimagrire, perché aiuta a drenare i liquidi in eccesso (soprattutto i liquidi stagnanti che originano la cellulite la pelle a buccia d’arancia) è bene pensare a una reintegrazione.

Ecco perché la risposta è nella Bromelina Colloidale Pura, un nuovissimo prodotto, già ricercato e scelto da migliaia e migliaia di persone soddisfatte per la sua efficacia e per la sua comodità.

Come succede con tutti i Colloidali Puri, anche la Bromelina Colloidale Pura  è una soluzione che contiene solo principio attivo di altissima qualità sospeso per elettrolisi in acqua bidistillata purissima.

Il risultato è uno spray da spruzzare in bocca secondo posologia (scoprila qui), comodissimo ed efficace, in quanto il principio attivo entra subito in azione, perché assorbito dalle mucose sublinguali.

A differenza di bustine, o pastiglie, che devono per forza passare la barriera dello stomaco, la Bromelina Colloidale Pura entra quindi subito in azione e svolge rapidamente le sue funzioni benefiche.

Come visto, la bromelina fa dimagrire grazie la sua azione sgonfiante e drenante, è un potente antinfiammatorio, ma aiuta anche a trattare i traumi sportivi sia quelli diretti come le contusioni che quelli indiretti come le contratture e gli strappi.

Sembra inoltre che la bromelina possa incrementare la funzionalità dei muscoli a seguito dell’attività fisica e sportiva, quindi è super consigliata agli sportivi e agli atleti.

Per concludere, è interessante notare che la bromelina ha una buona azione mucolitica, ovvero aiuta a prevenire e anche a trattare i cosiddetti malanni di stagione e a proteggere il sistema respiratorio.

Ragione in più per scoprirla subito qui.

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
La bromelina fa dimagrire? Alla scoperta di uno dei re-integratori più ricercati del momento
Come si usa il collagene colloidale?  La risposta ti stupirà

Come si usa il collagene colloidale? La risposta ti stupirà

Spesso pensiamo al collagene come a un “ingrediente” che serve solo per migliorare l’aspetto della pelle, dei capelli e delle unghie.

È certamente così, ma il collagene è importantissimo per molte altre cose, fra tutte il fatto che riduce il dolore e la rigidità delle articolazioni, aiuta ad incrementare la massa magra di muscoli, è un ottimo supporto alle patologie cardiovascolari e anche un agente attivo nel mantenere una buona salute epatica.

Da considerare, che il collagene è una delle proteine più importanti dell’organismo, perché costituisce il 30% di quelle totali.

Il collagene si trova nei tessuti connettivi, negli organi interni, nei muscoli, nelle cartilagini e assolutamente nella pelle.

Possiamo intenderlo come una sorta di “collante” ovvero come una sostanza che tiene assieme le cellule e che ha un’importantissima funzione strutturale.

Perché strutturale?

Il collagene garantisce resistenza ed elasticità della pelle, mentre nei tessuti muscolari lavora sulla struttura e sull’elasticità perché i tendini, che sono quelle parti del corpo incaricate di unire i muscoli e le ossa per permettere il movimento, sono formati principalmente da fibre di collagene.

E non è tutto, perché il collagene si trova anche nelle articolazioni, in quanto la cartilagine articolare che protegge le ossa dello sfregamento ne contiene in quantità.

La domanda che molti ci fanno è: come si usa il collagene colloidale?

Vedremo la risposta fra qualche riga, ma prima di tutto è importante sapere che il collagene è una proteina chiave, perché ci aiuta a mantenere la pelle tonica, compatta e nutrita.

Il collagene è parte stessa della struttura della pelle, la tiene unita, e questo fa sì che il derma appaia giovane, fermo, elastico.

Ora che abbiamo visto quali sono le principali funzioni del collagene, vediamo come utilizzarlo quotidianamente, per accrescere la nostra bellezza e la nostra salute.

$

Quanto collagene assumere al giorno?

$

3 campanelli d'allarme che suonano quando alla pelle serve il collagene

Quanto collagene assumere al giorno?

come si usa il collagene colloidale

Il collagene colloidale è una soluzione strabiliante, perché può essere assunta in qualsiasi momento della giornata e tutta comodità.

La composizione è qualcosa di davvero essenziale, perché il Collagene Colloidale Puro è fatto di sole particelle di collagene di altissima qualità sospese per elettrolisi in acqua bidistillata.

Il risultato è una soluzione purissima, che non contiene alcun residuo come spesso succede nei prodotti che chiedono di essere assunti per via orale.

Questi prodotti (tipo bustine o pastiglie) devono inoltre passare la barriera dello stomaco, dove molto del principio attivo in esse contenuto rischia di perdersi.

Ecco che alla domanda come si utilizza il collagene colloidale, segue una risposta molto semplice: come trattamento cosmetico è bene utilizzarlo una o due volte al giorno, spruzzando direttamente il prodotto nella parte della pelle interessata.

È opportuno prestare attenzione alla quantità, in quanto non è bene far gocciolare il prodotto.

Basta che la parte interessata sia inumidita abbondantemente, e poi bisogna attendere l’asciugatura che dura qualche secondo prima di rivestirsi o, nel caso in cui si applichi il collagene colloidale puro sul viso, di procedere con l’applicazione delle creme, dei sieri, di altri cosmetici o del make up quotidiano.

Grazie alla sua funzione rinvigorente, elasticizzante e protettiva, il collagene è un ottimo alleato delle articolazioni, dei muscoli e delle cartilagini.

Ecco perché, sia in caso di dolori, ma anche come prevenzione, si può utilizzare il Collagene Colloidale Puro su parti specifiche del corpo quali ad esempio le ginocchia, i gomiti…

La grande forza dei colloidali?

Sta nel fatto che tutti i prodotti possono essere applicati sulla pelle, quindi utilizzati per uso topico ma anche spruzzati in bocca, perché svolgono una formidabile azione interna.

Questo è il futuro dei più efficaci trattamenti di benessere e di bellezza, ecco perché l’uso terapico del collagene Colloidale Puro avviene abbinando 15/20 spruzzi in bocca una volta al giorno.

Il prodotto è dotato di un particolare beccuccio spray che agevola l’applicazione, ecco che appena spruzzato in bocca, è bene tenere il prodotto sotto la lingua per almeno 40 secondi prima di deglutire.

In questo modo le mucose sublinguali possono assorbirlo e il collagene andrà direttamente ad agire nell’organismo.

3 campanelli d’allarme che suonano quando alla pelle serve il collagene

donna - cos'è il collagene
Quando la pelle ha bisogno di collagene suonano dei campanelli d’allarme, che spesso attribuiamo  al passare del tempo, allo stress, o a particolari periodi in cui abbiamo assunto medicine, seguito una dieta disordinata eccetera eccetera.

Delle volte, però, questi campanelli d’allarme suonano proprio perché la pelle ha bisogno di collagene, ovvero ha bisogno di ricevere il giusto nutrimento per riscoprirsi bella, forte e compatta e luminosa.

Uno: pelle sottile

La pelle sottile può essere un campanello d’allarme di una carenza di collagene e si manifesta con un derma fine al tatto, che può squamarsi, e che può presentare anche più rossore del solito.

Questa situazione chiede di essere sanata il prima possibile, soprattutto durante l’estate perché i raggi solari possono colpire la pelle e renderla ancora più fragile, ma anche in inverno, quando l’effetto del vento delle piogge, e del gelo può acuire questo problema

Due: rughe precoci

La sintesi del collagene diminuisce organicamente in tutte le persone a partire dei 25 anni di età.

La pelle risulta meno compatta, meno tonica e meno idratata, diventando più molle e spianando la strada alla comparsa delle prime rughe.

Tutto questo è fisiologico, ma assumere il Collagene Colloidale Puro permette di prevenire questo problema e anche di agire con efficacia sulle rughe già esistenti.

Tre: cellulite più visibile

La cellulite non è solo un problema estetico, ma una vera e propria patologia che deve essere risolta il prima possibile perché può degenerare e portare a gravi problemi all’organismo.

n questo caso, assumere il collagene aiuta a ritrovare una pelle più tonica, ma anche rafforzare il derma in generale e quindi rendere la cellulite meno visibile.

Come si usa il collagene colloidale in questi casi?

Come abbiamo visto, questo straordinario prodotto può essere assunto per via topica, quindi spruzzato sulla pelle del viso o della parte del corpo interessata per agire in modo efficace e diretto.

La bellezza e la salute iniziano però da dentro, quindi per un’azione d’urto è importante spruzzare il prodotto 15- 20 volte ogni mattina perché in questo modo le mucose sublinguali lo assorbono immediatamente e il collagene può entrare in azione in modo rapido in tutto l’organismo.

Scoprilo subito qui per far risplendere la tua pelle.

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
Come si usa il collagene colloidale?  La risposta ti stupirà
Dalla scienza 7 consigli per essere felici per tutta la vita

Dalla scienza 7 consigli per essere felici per tutta la vita

La felicità tende a calare durante il corso della vita delle persone, raggiungendo il picco negativo attorno ai cinquant’anni, per poi migliorare, fino a metà dei sessanta.

A quel punto, la felicità si divide come una forbice: ci sono persone anziane estremamente felici e altre che diventano molto tristi.

Questo non è frutto del dire comune, ma di una ricerca scientifica pubblicata nel Journal population of economics.

La domanda quindi è: come fare ad essere felici per tutta la vita?

Ognuno di noi ha il proprio vissuto, ma la maggior parte delle persone lavora da giovane per costruirsi la possibilità di trascorrere una terza età serena dal punto di vista pratico, economico e relazionale.

Anche in questo caso arriva in soccorso la scienza, che ci aiuta a capire cosa serve per riuscirci

Nel 1938 i ricercatori della Harvard Medical School hanno coinvolto alcuni studenti in una ricerca lunghissima, seguendoli dall’età giovane fino all’età adulta.

Ogni  due anni i ricercatori facevano loro delle domande sullo stato di salute, sul buonumore, sulla felicità, sulle relazioni e su molto altro.

Lo studio si è quindi allargato anche ad altri ex studenti di Harvard e oggi i risultati sono una miniera di informazioni che raccoglie 80 anni di dati e analisi precise.

Fra le più interessanti c’è proprio il titolo della ricerca, ovvero “Good genes are nice, but joy is better”, ovvero i geni contano, eccome, ma in termini di longevità conta di più quant’è felice una persona.

Il segreto per essere felici per tutta la vita può quindi racchiudersi nei dati di questa incredibile ricerca.

I ricercatori hanno suddiviso le persone in due gruppi distinti: le “felici-sane”, che godono di buona salute fisica e mentale e conducono una vita che dà loro soddisfazione e le “tristi-malate” ovvero l’esatto contrario.

Le persone “felici-sane” si contraddistinguono per avere creato una sorta di piano pensionistico della felicità, investendo nelle relazioni, adottando buone abitudini e mantenendo uno stile di vita sano.

 

I ricercatori hanno suddiviso le persone in due gruppi distinti: le “felici-sane”, che godono di buona salute fisica e mentale e conducono una vita che dà loro soddisfazione e le “tristi-malate” ovvero l’esatto contrario.

Le persone “felici-sane” si contraddistinguono per avere creato una sorta di piano pensionistico della felicità, investendo nelle relazioni, adottando buone abitudini e mantenendo uno stile di vita sano.

 

$

7 consigli per essere felici per tutta la vita

$

Essere felici è una questione di...

7 consigli per essere felici per tutta la vita

come essere felici dopo i 50
Sulla base dello studio della Harvard University, alcuni ricercatori hanno dimostrato che le persone possono definire il loro benessere emozionale e fisico, controllando 7 attività specifiche.

Lo studio si chiama Successfull aging e riporta queste 7 buone abitudini:

  1. Non fumare: i danni del fumo sono universalmente conosciuti e dimostrati anche nella ricerca della Harvard, quindi è bene smettere e, ancor meglio, non iniziare mai a fumare;
  2. Non bere troppo: come il fumo, il consumo eccessivo di bevande alcoliche è un fattore di malessere e di infelicità, quindi è bene modersi, sempre;
  3. Mantenere un peso corporeo adeguato: i ricercatori consigliano di evitare diete drastiche o regimi alimentari del momento, privilegiando diete sane come quella Mediterranea, universalmente conosciuta  e stimata per la sua varietà, bontà ed efficacia;
  4. Dare la priorità al movimento: il modo più sicuro di farlo è camminare ogni giorno. Il movimento è fondamentale per mantenere il corpo in buona salute, ma anche per stimolare il buonumore;
  5. Rafforzare la capacità di adattamento: per adattamento si intende la capacità di far fronte ai problemi e alle cattive notizie. I ricercatori consigliano di pensare a questo e di cominciare a maturarlo grazie a pratiche quali la meditazione, l’accettazione di sé stessi e degli eventi, anche quelli più sfavorevoli;
  6. Continuare a imparare: l’istruzione è molto legata al grado di felicità. Chi non smette mai di studiare stimola infatti la curiosità, la creatività e il confronto, elementi che permettono inoltre di mantenere giovane e fresco il cervello;
  7. Coltivare rapporti a lungo termine stabili e sereni: l’idea è circondarsi di persone di cui ci si fida, che non giudicano o ostacolano il proprio percorso di vita, siano essere amici, partner, colleghi…

Essere felici è una questione di…

come essere felici
Come visto, per essere felici tutta la vita è bene seguire delle regole piuttosto comuni e nemmeno così complicate.

Un grande aiuto arriva dall’alimentazione, dal movimento (indispensabile) e dalle relazioni, che sono il sale della vita.

Gli alti e i bassi ci saranno sempre, ma ciò che conta è superarli, senza lasciarsi trascinare.

Ecco perché nei diversi momenti di stress, di tensione, di tristezza o quando arrivano dei momenti sfidanti, è importante aiutarsi con i giusti prodotti naturali, come i Colloidali Puri.

I Colloidali Puri nascono per aiutare le persone che ricercano soluzioni naturali efficaci per risolvere i più comuni disturbi, ma anche per  mantenere il corpo forte e protetto nel corso del tempo.

Un esempio può essere ricercato in due best seller della linea, l’Acido Ialuronico Colloidale Puro e il Collagene Colloidale Puro.

Entrambe queste sostanze vengono naturalmente prodotte dal corpo, ma in quantità minori con il passare del tempo.

La carenza di collagene e acido ialuronico si manifesta con pelle spenta, che cede e con una mancanza di queste sostanze nelle ossa e nei muscoli.

Ecco perché integrarle con le soluzioni colloidali è una scelta di benessere completa, che guarda sia all’aspetto fisico esterno, che a un profondo benessere interno.

La scelta può inoltre rafforzarsi con l’impiego del Rame Colloidale Puro, benefico per ossa e articolazioni, e utilissimo da impiegare per contrastare gli effetti dell’invecchiamento, in quanto neutralizza i radicali liberi che sono i responsabili del decadimento fisico e mentale e svolge una potente funzione anti age globale.

Scoprilo subito qui.

 

 

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
Dalla scienza 7 consigli per essere felici per tutta la vita
7 consigli per difendersi dal burn out

7 consigli per difendersi dal burn out

Burnout pandemico, burnout genitoriale, o ‘semplice’ burnout da lavoro: le cause possono essere diverse ma la sostanza non cambia, perché si tratta di uno stato dove, letteralmente, la testa sembra scoppiare e il corpo si sente sfinito.

La sindrome da burnout è stata ben spiegata dalla scienza come ‘esaurimento fisico, emotivo o mentale’ , ovvero uno stato in cui il corpo, la mente e anche la parte emozionale esauriscono le energie e non riescono più a funzionare come dovrebbe essere naturalmente.

La stessa parola ‘burn out’ significa bruciarsi, esaurirsi e l’OMS l’ha definita come una forma di stress lavorativo che non si riesce a gestire con successo.

Quando la parola è entrata nel lessico degli italiani, era legata solamente al lavoro, ovvero  si parlava di burnout solo con riferimento all’esaurimento fisico, mentale ed emozionale causato da troppo lavoro, da troppe scadenze e da troppi impegni.

Le cause individuate erano anche i cattivi rapporti con i colleghi, il senso di insoddisfazione, ma soprattutto un carico di impegni troppo gravoso, che spinge il corpo, la mente e le emozioni troppo oltre, finendo tutte le energie disponibili.

Con la pandemia, si è cominciato a parlare di burnout pandemico, ovvero di uno stato di sfinimento dovuto alle restrizioni, alle regole e alle mille precauzioni da seguire.

Inoltre, la pandemia ha portato con sé anche risvolti economici considerevoli, il che ha generato preoccupazioni su preoccupazioni per i lavoratori a ogni livello.

La sindrome da burnout coinvolge quindi anche la relazione figli genitori, che può diventare talvolta complicata. Ecco nascere il burnout genitoriale, ovvero uno stato di sfinimento dovuto a relazioni complicate nell’ambiente familiare.

$

Come si manifesta il burnout

$

7 consigli semplici per difendersi dal burn out

Come si manifesta il burnout

sintomi burn out
Questo problema è stato codificato in diversi modi.

Dal punto di vista lavorativo, il burnout nasce soprattutto in ambienti competitivi, quindi può iniziare con la tendenza a dire sempre di sì a tutto e tutti al lavoro, per paura di perdere opportunità, ma anche di non fare carriera.

Dire sempre di sì coincide molto spesso con grandi sovraccarichi di impegno, meno tempo da dedicare a sé stessi e un logorio fisico, mentale ed emozionale.

Questa può essere considerata come una prima fase del burnout, che si può rispecchiare anche in altre sfere della vita, ovvero nelle relazioni familiari o con gli amici.

Ecco quindi nascere la seconda fase, dove la persona si sovraccarica di impegni, si trascura, distorce anche i suoi valori e mette il lavoro o altre sfere della vita prima di sé stesso.

L’alimentazione, in questi casi, può diventare poco salutare, si mangia poco e velocemente, non ci si concede il tempo per prendersi cura di sé stessi e il fisico ne risente.

Ecco quindi nascere i veri e propri sintomi del burn out, che sono ansia, stress fortissimo, sensazione di disconnessione dal mondo e dagli altri, fatica a dormire, fatica a relazionarsi, tendenza a non avere dei punti di riferimento.

Questo stato, a sua volta, può portare molte persone ad abusare di sostanze, dalla caffeina agli energy drink, fino all’alcol e alle sostanze stupefacenti.

L’ultima fase del burn out è il vero e proprio collasso, quando la persona non ha più forze per fare niente ed è quindi costretto a fermarsi.

 

 

7 consigli semplici per difendersi dal burn out

come prevenire burn out
Difendersi dallo sfinimento può essere complicato, soprattutto se si lavora in un ambiente competitivo, se in famiglia ci sono dei conflitti in corso oppure se la situazione sociale è sfidante.

Farlo però è super consigliato, perché ne va della propria salute e del proprio benessere.

Ecco 7 consigli da considerare per difendersi dallo sfinimento.

  1. Pensare alle proprie esigenze: cercare di capire cosa chiedono il corpo e la mente e assecondarli, magari con riposo, buon cibo, una gita fuori porta o semplicemente una passeggiata all’aria aperta.
  2. Fare esercizi di rilassamento: anche dei semplici esercizi di respirazione possono bastare, come quello di inspirare profondamente e poi espirare, almeno per 3 volte quando ci si sente tesi.
  3. Assumere magnesio: stress e ansia possono ‘mangiarsi’ più magnesio del dovuto, quindi è bene reintegrarlo per rilassare il corpo e rinfrescare la mente, meglio se in forma Colloidale Pura come quello che trovi qui.
  4. Chiedere aiuto: se al lavoro o in altri contesti si fa fatica a fare tutto, è bene chiedere aiuto a qualcuno, anche solo per un periodo. In questo modo il carico di impegni diminuisce e il corpo può recuperare energia.
  5. Imparare a dire qualche No: spesso si dice di sì per paura di perdere delle opportunità, ma qualche No detto con consapevolezza può salvaguardare corpo e mente dallo sfinimento.
  6. Ridimensionare le aspettative: se le aspettative di vita o di carriera sono troppo alte, un’idea può essere quella di ridimensionarle, almeno fino a che non si recuperano le energie necessarie per raggiungerle.
  7. Curare il proprio benessere: ‘Mente sana in corpo sano’, perciò è bene prendersi cura di sé stessi, magari con aiuti naturali che favoriscono il benessere completo, come quello che trovi qui.

Prevenire il burn out è qualcosa che tutti possono fare per salvaguardare la propria salute e il proprio benessere, perché come succede in molti casi, prevenire è sempre meglio che curare. 🙂

 

 

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
7 consigli per difendersi dal burn out
Carrello
Mancano solamente 65,00 alla spedizione gratuita.
Il carrello è vuoto.

Scegli un prodotto dal catalogo