4+1 consigli per drenare i liquidi del corpo

4+1 consigli per drenare i liquidi del corpo

Come drenare i liquidi in eccesso?

Ma soprattutto, perché i liquidi stagnano e compaiono gonfiori, pelle a buccia d’arancia e cellulite?

Iniziamo dal principio: il disturbo dei liquidi in eccesso, o ristagno di liquidi, si verifica quando si accumulano liquidi negli spazi fra una cellula e l’altra del corpo.

Questo ‘comportamento’ dei liquidi è anomalo e vedremo le possibili cause fra qualche riga.

Di base, la ritenzione idrica si manifesta con gambe e cosce gonfie, anche dolorose, che se non trattate possono degenerare nella cellulite e nella pelle a buccia d’arancia.

Cause della ritenzione idrica

Le maggiori cause della ritenzione idrica sono un’alimentazione scorretta, uno stile di vita sedentario, l’assunzione di certi farmaci, stati di gravidanza e menopausa, ma anche patologie in corso, come ad esempio ipertensione o alcune malattie epatiche.

Qualsiasi sia la causa, è importante fare qualcosa velocemente, perché la ritenzione idrica è un problema che può portare alla comparsa di altri più gravi e che può manifestarsi anche con il dolore nelle aree localizzate.

Sicuramente, si avverte un senso di pesantezza, di gonfiore e possono nascere problematiche emozionali come la tensione per mostrare il corpo, soprattutto in estate quando ci si veste più leggeri.

L’idea è che combattere la ritenzione idrica è possibile, quindi vediamo 4+1 consigli per drenare i liquidi del corpo in modo naturale, graduale, ma molto efficace.

$

Contro la ritenzione idrica acqua, movimento e...buonumore!

$

La Bromelina per drenare i liquidi del corpo

Contro la ritenzione idrica acqua, movimento e…buonumore!

acqua per drenare i liquidi in eccesso
Il primo consiglio per drenare i liquidi in eccesso è di bere molta acqua.

Il consiglio degli esperti è di bere almeno due litri di acqua naturale a temperatura ambiente nel corso della giornata.

Se due litri sembrano molti, si può pensare come a 8 bicchieri, da suddividere nel corso della giornata.

Un consiglio prezioso è bere due bicchieri ogni mattino a stomaco vuoto, appena svegli, meglio se addizionati con del succo di limone.

Il succo di limone svolge preziose funzioni, perchè lavora per drenare i liquidi, equilibra l’acido/base del Ph e aiuta a depurare l’organismo nel suo complesso, con ottimi risultati su pelle e capelli.

Il secondo consiglio per drenare i liquidi del corpo è fare movimento.

Questo non significa iniziare subito con la maratona o con mille vasche di nuoto, perché questo avrebbe l’effetto opposto, ovvero quello di farci desistere.

Meglio iniziare un po’ alla volta, magari con una passeggiata di mezz’ora, su un percorso dolce e pianeggiante ogni giorno, oppure con qualche esercizio di ginnastica o un’ora di attività fisica alla settimana.

Un altro consiglio inaspettato per drenare i liquidi in più è quello di tenere un buon livello di umore.

Spesso sottovalutiamo la parte emozionale, ma se cominciamo a vedere i primi risultati, ovvero gambe, cosce più sgonfie, a sentire un diffuso benessere e anche a vedere qualche centimetro in meno nel giro vita, proseguire diventa più facile e si alimenta una catena di felicità che aiuta a proseguire con una dieta equilibrata e del movimento costante.

La Bromelina per drenare i liquidi del corpo

bromelina ananas
Alla dieta equilibrata, all’acqua e al movimento, è bene aggiungere un aiuto naturale per drenare i liquidi in eccesso.

Per questo abbiamo creato un prodotto fantastico, la Bromelina Colloidale Pura, dove il principio attivo è estratti dalla polpa e soprattutto dal gambo del frutto dell’ananas.

Conosciamo tutti l’ananas e amiamo le sue caratteristiche digestive e rinfrescanti.

Nella polpa e nel gambo è presente la bromelina, una sostanza che svolge una forte azione drenante e snellente, ottima per combattere la ritenzione idrica e sgonfiare il corpo in modo naturale.

La parte interessante, è che la Bromelina Colloidale Pura può essere assunta per via orale, ovvero spruzzandola in bocca.

In questo modo, il principio attivo viene immediatamente assorbito dalle mucose sublinguali e può entrare rapidamente in azione nell’organismo.

Questo è il punto di forza di tutti i Colloidali Puri, che grazie all’azione immediata, non devono passare la barriera dello stomaco, dove perderebbero parecchia della loro efficacia.

La Bromelina esercita quindi molte altre azioni interessanti nell’organismo, tra cui:

  • Funzione antitrombotica, perché è in grado di solubilizzare le placche arteriosclerotiche, ostacolando la formazione di trombi nei vasi sanguigni;
  • Coadiuva la guarigione dei traumi sportivi, e per uso topico anche come aiuto per contrastare le infiammazioni croniche di muscoli e tendini;
  • Migliora la digestione, grazie agli enzimi che favoriscono il processo digestivo e aiutano a ritrovare leggerezza e freschezza, supportando anche l’organismo a riscoprire la sua normale regolarità;
  • Decongestiona le vie nasali, perché è in grado di normalizzare la struttura del tessuto cutaneo.

Ecco che oltre a drenare i liquidi del corpo, la Bromelina Colloidale Pura agisce su diversi fronti, per un benessere naturale e sicuro per tutta la famiglia.

Scoprila subito qui.

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
4+1 consigli per drenare i liquidi del corpo
Cos’è la nutraceutica e qual è la differenza con gli integratori?

Cos’è la nutraceutica e qual è la differenza con gli integratori?

Sempre più persone riconoscono che ‘siamo quello che mangiamo’, ovvero che la nostra salute e il nostro benessere passano attraverso l’alimentazione.

Il cibo è energia, è ciò che permette al corpo e alla mente di funzionare, ma è anche qualcosa di molto più prezioso, ovvero uno strumento che aiuta a stare bene e a risolvere diversi disturbi.

Qui entra in gioco la nutraceutica, parola che nasce dall’unione fra ‘nutrizione’ e ‘farmaceutica’ e che indica i principi attivi e i componenti degli alimenti che hanno effetti positivi sulla salute.

In pratica, si tratta di scegliere certi alimenti, perché ci permettono di curarci…mangiando!

Ma allora cos’è la nutraceutica? È una vera e propria scienza, che si basa su test e ricerche, che individuano quali sono i principi preziosi contenuti negli alimenti e a cosa servono.

Nulla, quindi, è lasciato all’approssimazione e questa scienza aiuta chi vuole raggiungere ottimi stati di salute, a farlo attraverso qualcosa che facciamo tutti ogni giorno: nutrirci.

La nutraceutica può essere usata anche come prevenzione?

La risposta è sì, perché oltre al trattamento, questa scienza può essere seguita e seguita per prevenire diverse patologie e disturbi, ma anche per aiutare il corpo a rinforzare il sistema immunitario, a regolare le sue funzioni vitali e a migliorare le performance.

$

Cos'è la nutraceutica nella pratica?

$

Nutraceutica e integratori: qual è la differenza?

Cos’è la nutraceutica nella pratica?

nutraceutici
Per scoprirlo possiamo approfondire i nutraceutici, ovvero i componenti e i principi attivi presenti negli alimenti, che svolgono un ruolo benefici nel corpo umano.

La maggior parte dei nutraceutici sono di origine vegetale, quindi si trovano nella frutta e nella verdura.

Non a caso, è raccomandato di consumare almeno 5 porzioni al giorno di vegetali, in quanto la scienza riconosce la loro funzione indispensabile per un buon stato di salute, a ogni età.

La domanda cos’è la nutraceutica trova risposta anche negli esempi di nutraceutici, come l’acido folico o vitamina B9, presente anche nel Complex Colloidale Puro, il complesso colloidale di vitamine del gruppo B, che è utile per contrastare delle forme di anemia e si rivela essere indispensabile in gravidanza.

Un altro esempio di nutraceutico  è l’antiossidante, ovvero quei principi utili per combattere le problematiche del sistema cardiovascolare, i radicali liberi e in generale i processi di invecchiamento. Gli antiossidanti sono presenti, ad esempio, nel melograno.

Un altro nutraceutico piuttosto conosciuto è l’acido pantotenico, la vitamina B5 che protegge pelle e capelli, aiuta il derma a cicatrizzarsi e il corpo a mantenere alti livelli di energia, combattendo stanchezza e spossatezza.

Questa vitamina si trova nei legumi, nella verdura, e in ricche quantità nel frutto della papaya.

Ecco che alla domanda cos’è la nutraceutica segue una risposta molto interessante: una scienza che attraverso i doni di madre natura aiuta gli esseri umani a stare meglio, in salute e più a lungo.

 

 

Nutraceutica e integratori: qual è la differenza?

nutraceutica e integratori
I nutraceutici sono  possono essere confusi con gli integratori e su questo tema è stata fatta una ricerca dell’Università Federico II di Napoli, che spiega come la principale differenza fra nutraceutici e integratori sia questa: “Gli integratori servono a fornire al fisico micronutrienti, come sali e vitamine, mentre i nutraceutici sono in grado di prevenire e agire come agenti terapeutici in alcune malattie”.

I Colloidali Puri sono validati dal Ministero della Salute come integratori e fra essi c’è un prodotto composto da erbe e legni che sta riscuotendo un grande successo per la sua bontà ed efficacia.

Si tratta della famosa Formula Caisse Pura, un preparato dalla storia affascinante, perché la ricetta originale è quella dell’infermiera Renè Caisse, inventata in Canada nei primi decenni del ‘900.

A sua volta, la ricetta di René era frutto di un antico tè d’erbe preparato dai nativi americani (scopri qui la storia), che si dicesse poter curare i mali, anche quelli più gravi.

Per anni e anni René Caisse ha trattato i suoi pazienti con la sua formula e oggi, Formula Caisse Pura la sostituisce e la potenzia con una composizione di sette erbe.

Quattro sono le stesse della vecchia formula usata da René: radice di bardana, radice di rabarbaro, corteccia di olmo rosso (varietà autoctona canadese) e acetosella più le tre erbe la cui esatta percentuale da aggiungere è stata svelata da un uomo di medicina degli indiani Ojibwa: trifoglio, corteccia di frassino spinoso (varietà autoctona canadese) e piantaggine.

A cosa serve Formula Caisse Pura?

A moltissime cose, tra cui:

  • sedativo naturale, agisce sul sistema nervoso, calmando la persona
  • attenuare i dolori o addirittura li elimina anche nei casi più gravi
  • favorire l’arresto delle le emorragie, agendo come ricostituente del sangue
  • prevenire e correggere la costipazione
  • ritrovare il senso del gusto
  • favorire e migliorare la digestione
  • combattere insonnia
  • proteggere il cervello dalle tossine
  • creare un senso di benessere in tutto l’organismo

Ora che abbiamo visto cos’è la nutraceutica e cosa possono fare i doni della natura per il nostro benessere, è interessante pensare a uno stile di vita che li accolga.

Magari con una dieta più ricca di vegetali, con la scelta di idratarci bevendo almeno due litri di acqua al giorno o di assumere i giusti integratori per assicurare al nostro corpo benessere e vitalità nel corso del tempo.

 

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
Cos’è la nutraceutica e qual è la differenza con gli integratori?
Problemi dell’intestino: la scienza ci aiuta a capire (e a stare meglio)

Problemi dell’intestino: la scienza ci aiuta a capire (e a stare meglio)

Quando avvertiamo certi sintomi, come ad esempio dolori alla zona addominale, meteorismo, diarrea, pensiamo si tratti della colite, oppure della sindrome dell’intestino irritabile.

Secondo quanto spiegato dalla comunità scientifica, i disturbi che coinvolgono l’intestino sono diffusi, anche perché sono causati da fattori diversi quali la predisposizione genetica, lo stile di vita e l’alimentazione.

La colite, in termini generici, è un’infiammazione del colon, ovvero la parte terminale dell’intestino.

Nei casi gravi si parla di Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali, come il Morbo di Crohn e la colite ulcerosa, che si manifestano con ulcere ed erosioni nelle parti interessate.

La colite non va mai sottovalutata ed è fondamentale chiedere supporto al proprio medico di fiducia, così come nel caso dell’IBS, la Sindrome dell’intestino irritabile.

L’IBS è considerato dalla scienza un disordine funzionale dell’intestino che secondo l’istituto Superiore di Sanità coinvolge ben il 10% della popolazione in età compresa fra i 20 e i 50 anni

L’IBS si manifesta con un intestino ipersensibile, che si infiamma manifestando sintomi diversi, ma senza generare delle alterazioni gravi come le Malattie Infiammatorie Croniche.

In questi due problemi, colite e sindrome dell’intestino irritabile, i sintomi sono diversi.

La colite si manifesta con diarrea, sangue nelle feci, spossatezza, febbre, dimagrimento.

Tutti questi sintomi si aggravano nella colite ulcerosa, quindi a una prima avvisaglia è assolutamente necessario chiedere supporto al proprio medico di fiducia.

I sintomi dell’intestino irritabile sono invece pancia gonfia, quindi meteorismo, dolore addominale che di solito peggiora dopo avere mangiato, diarrea o stitichezza.

$

Quali sono le cause dei problemi dell'intestino?

$

Stress e disturbi dell'intestino: come stare meglio

Quali sono le cause dei problemi dell’intestino?

problemi dell'intestino come risolvere

Per quanto riguarda le cause della colite 8uno dei problemi dell’intestino più noti), la scienza ci dice che nel caso delle malattie infiammatorie croniche non sono ancora note.

La comunità scientifica pensa comunque a fattori come l’alimentazione e alle infezioni intestinali che vanno a sovrastimolare il sistema immunitario.

Questo porta, in soggetti con predisposizione genetica, ad attaccare la flora batterica dell’intestino.

La scienza non esclude anche cause legate ad attacchi di batteri o virus.

Per quanto riguarda la sindrome dell’intestino irritabile, le cause ipotizzate dalla scienza sono le alterazioni della flora batterica dell’intestino, la predisposizione familiare, ma anche un’ultrasensibilità del sistema nervoso dell’intestino e l’alterazione della motilità intestinale, ovvero il cibo che passa nell’intestino in modo troppo veloce o troppo lento.

Fra le cause dell’IBS c’è anche lo stress, che come in tutte le problematiche infiammatorie, può essere sia concausa che aggravante del problema.

Quali cibi irritano l’intestino?

Secondo la Fondazione Veronesi, ci sono alcuni cibi che irritano, possono originare i problemi dell’intestino e devono quindi essere consumati in quantità limitate per evitare l’insorgenza di infiammazioni, e aboliti in caso di coliti o sindrome dell’intestino irritabile.

Si tratta dei cosiddetti Fodmap, una sigla che racchiude i vocaboli inglesi: fermentabili, oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli.

I Fodmap  si trovano in diversi alimenti, come i derivati del grano, il latte e i prodotti caseari, alcuni tipi di frutta, il miele, il cioccolato, i legumi, alcune verdure come i peperoni e i funghi.

Diversi Fodmap hanno notoriamente la capacità di accelerare il transito intestinale, con effetto lassativo.

Secondo quanto riportato dalla Fondazione, è complicato riconoscere quali livelli superare e il consiglio è limitare o anche evitare gli alimenti che provocano fermentazione. Si tratta dei farinacei, dei legumi, del volo, del caffè e dei cibi piccanti.

In ogni caso è importante chiedere il parere del proprio medico o di un nutrizionista in caso di problemi all’intestino, perché ogni caso è personale.

 

Stress e disturbi dell’intestino: come stare meglio

stress e problemi intestino

Lo stress è fra le concause dei problemi dell’intestino, perché può dare origine a un difetto di motilità gastrica e intestinale, ovvero alterare il giusto tempo che serve all’intestino per svolgere le sue funzioni.

Questo stato può inoltre creare il cosiddetto reflusso gastroesofageo, quindi è bene cercare di ridurre lo stress il più possibile, soprattutto se si presentano disturbi all’intestino.

La via naturale è preferibile, per questo è consigliato assumere prodotti privi di effetti collaterali, ma che aiutano il sistema nervoso a sedarsi e che, al contempo, favoriscono il sonno.

I Colloidali Puri più indicati in questo caso sono sicuramente il Magnesio Colloidale Puro e il Potassio Colloidale Puro, due soluzioni che agiscono sul sistema nervoso rasserenandolo, e contribuiscono a supplire alla carenza di questi sali minerali nel corpo.

Per quanto riguarda le infiammazioni, e il dolore che ne consegue, un ottimo prodotto, amatissimo dai clienti in tutto il mondo, è Formula Caisse Pura, una composizione completamente naturale, che rispetta e arricchisce l’originale ricetta dall’infermiera canadese René Caisse.

Questa formula, a sua volta nata dalla ricetta di un tè d’erbe dei nativi americani, aiuta a lenire i dolori e, nel complesso, a rasserenare il corpo, con forte azione adattogena. Scopri subito qui la storia della Formula Caisse.

Infine, per contrastare in modo naturale ed efficace la presenza di virus, funghi, batteri e agenti patogeni nocivi, è consigliata l’assunzione dell’Argento Colloidale Puro, il best seller di Colloidali Puri e un aiuto potentissimo per disinfettare l’apparato digerente nel suo complesso.

Scopri qui tutti i benefici dell’Argento Colloidale Puro.

 

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
Problemi dell’intestino: la scienza ci aiuta a capire (e a stare meglio)
Cosa prendere per i dolori muscolari?

Cosa prendere per i dolori muscolari?

Dal mal di schiena ai crampi, il dolore ai muscoli assume forme e localizzazioni diverse, ma la sostanza non cambia: può fare molto male e rendere terribili le nostre giornate.

Per questo, quando ci viene chiesto cosa prendere per i dolori ai muscoli, consigliamo sempre di chiedere il parere di uno specialista per valutare la natura del dolore e gli eventuali problemi che possono averlo causato.

Detto questo, esistono ottimi prodotti da assumere per alleviare il male ai muscoli, in particolare delle soluzioni naturali colloidali che, oltre a far passare il male, contribuiscono a ristabilire il buon funzionamento della muscolatura.

Prima di scoprirli, vediamo cosa sono i dolori che colpiscono i muscoli in senso generico.

Il dolore ai muscoli si manifesta in diversi modi, può trattarsi di una fitta, della sensazione di un morso (come i crampi), di un irrigidimento, di una tensione, anche di un dolore che ‘brucia’.

I dolori ai muscoli possono essere spiegati dallo stile di vita attuale.

A differenza delle generazioni passate, oggi ci muoviamo molto meno, pratichiamo poca attività fisica in media, e questo porta a indebolire il sistema muscolare nel suo complesso.

In pratica, salvo casi di chi si allena molto o pratica sport con costanza, i muscoli svolgono molto meno di un tempo la funzione di sostenere il corpo.

Di conseguenza, il peso ricade spesso sulla colonna vertebrale e questo porta alla comparsa di problemi come il diffusissimo (e dolorosissimo) mal di schiena.

A questo si aggiunge un problema molto diffuso, sia per chi lavora seduto, magari al computer, che in piedi per molte ore: la postura sbagliata.

Per quanto possano sembrare comode, assumiamo posizioni scorrette davanti al monitor, sul divano mentre guardiamo un film, anche quando siamo seduti in auto e quando dormiamo.

La cattiva postura porta quindi a un indebolimento del sistema muscolare e apre, purtroppo, le porte a problematiche quali le contratture, gli strappi e i dolori ai muscoli nelle loro forme più diverse.

$

Quali sono le cause dei dolori muscolari?

$

Cosa prendere per i dolori muscolari

Quali sono le cause dei dolori muscolari?

cause dei dolori muscolari

Esistono cause comuni, come ad esempio le lesioni, i traumi e le distorsioni.

In tutti questi casi si tratta di eventi traumatici che fanno nascere il dolore e per cui bisogna subito chiedere l’aiuto di uno specialista.

Il dolore ai muscoli può avere anche altre cause, da quelle patologiche come la fibromialgia il Lupus, ma anche sorte a seguito di influenze, dell’assunzione di farmaci che servono per abbassare il colesterolo nel sangue come le statine, o di infezioni in generale.

Per questo, quando si avverte dolore alla muscolatura è importante considerare se si stanno assumendo particolari famarci, se si sono vissuti eventi traumatici e anche se si soffre di determinate patologie.

A questo, si aggiunge come detto la cattiva postura, ma anche l’eccessivo uso di una certa parte del corpo, magari per lavoro o durante l’attività fisica.

Fra le cause dei dolori muscolari ci sono quindi lo stress, l’ansia e tutte le emozioni difficili da gestire che portano la muscolatura a irrigidirsi e aprono le porte a contratture, dolori cronici e malessere ai muscoli.

Prima di capire quali rimedi naturali prendere per lenire i dolori ai muscoli è bene fare una differenza fra il cosiddetto dolore localizzato e il dolore diffuso.

Il dolore localizzato si concentra su una specifica area del corpo, coinvolge certi muscoli e, solitamente, è legato a una certa attività.

Ad esempio, una persona che impiega strumenti pesanti per lavorare, può lamentare dolori ai muscoli proprio nelle aree interessate, come le mani, le braccia e anche la schiena.

Il dolore diffuso interessa invece tutto il corpo e può essere sintomatico di problemi dalla natura diversa, come ad esempio un’influenza.

Cosa prendere per i dolori muscolari

cosa prendere per i dolori muscolari

Il prodotto migliore da assumere per trattare i dolori ai muscoli è il fantastico Omega 3,6,9 che unisce tutti e tre gli Omega che il corpo ci chiede per mantenere la muscolatura in ottima forma. 

In particolare, gli Omega 3 presenti nella composizione sono dei nutrienti fondamentali, dei grassi essenziali che il corpo non è in grado di sintetizzare in autonomia e devono quindi essere assunti con l’alimentazione.

Gli Omega 3 hanno un importante ruolo antinfiammatorio, perché riducono le citochine infiammatorie e, per chi pratica sport, sono ideali per combattere i cosiddetti Doms, ovvero Delayed onset muscle soreness, che possono essere tradotti come degli indolenzimenti muscolari a insorgenza ritardata, perché si manifestano una volta terminata l’attività fisica.

Gli omega 3 aiuta di base a migliorare la flessibilità e l’elasticità dei muscoli, quindi si tratta di un’integrazione ottimale da assumere in caso di dolori.

Se invece il male ai muscoli si manifesta con crampi, il corpo potrebbe lamentare una carenza di magnesio, che come spieghiamo qui, può avere diverse cause.

In questo caso, il prodotto migliore da assumere è il Magnesio Colloidale Puro, ancor meglio se associato al Potassio Colloidale Puro.

Questi due sali minerali contribuiscono a lenire i dolori muscolari, facilitando anche il rilassamento del corpo nel suo complesso.

Rilassando il corpo e in particolare il sistema nervoso, si può beneficiare di una sensazione di benessere che coinvolge anche i muscoli e allevia la sensazione di dolore.

KIT DIFESE IMMUNITARIE

Scopri di più e acquista il KIT DIFESE IMMUNITARIE (25% di risparmio)

Scopri di più e acquista

KIT DIFESE IMMUNITARIE

(25% di risparmio)

Vitamina D spray colloidale
Ti auguriamo la migliore salute!
Cosa prendere per i dolori muscolari?
Carrello
Mancano solamente 65,00 alla spedizione gratuita.
Il carrello è vuoto.

Scegli un prodotto dal catalogo