Seleziona una pagina

Il rapporto ferro colloidale e anemia è molto intenso, perché il minerale aiuta a combatterla e svolge molte altre funzioni benefiche nell’organismo.

Secondo quanto indicato dal portale della Fondazione Umberto Veronesi, l’anemia è dovuta a una carenza alimentare per il 50% dei casi, approfondiamo l’argomento e scopriamo perché il ferro colloidale è una risposta efficace contro l’anemia.

Sommario

$

Ferro colloidale e anemia: partiamo dai dati scientifici

$

Perché integrare il ferro?

Ferro colloidale e anemia: partiamo dai dati scientifici

 
dieta contro anemia

Secondo la Fondazione Veronesi, il numero degli anemici sta aumentando di molto in tutto il mondo, tanto da registrare ben 700milioni casi di persone che ne soffrono.

Questa è la stima divulgata dalla Fondazione CHARTA, il Center for Health Associated research and Technologies Assessment.

All’origine dell’anemia, per il 50% dei casi vi sarebbe quindi una carenza nutrizionale e per il restante, essa è conseguenza di patologie croniche quali le malattie infiammatorie intestinali, l’insufficienza renale, lo scompenso cardiaco e i cicli di chemioterapia.

Gli scienziati raccomandano quindi di prestare attenzione all’alimentazione, privilegiando una dieta mediterranea, variata, fresca ed equilibrata.

L’anemia è una condizione clinica che non deve essere sottovalutata e che si caratterizza da una diminuzione del numero dei globuli rossi o dell’emoglobina, causata dall’insufficiente produzione di sangue o da una perdita importante dello stesso.

L’anemia più comune è quella sideropenica, tipica dell’infanzia e dell’adolescenza, ma di cui possono soffrire anche le persone adulte.

In questo caso la dieta è fondamentale, ovvero occorre seguire un’alimentazione ricca di ferro.

La Fondazione Veronesi consiglia di assumerlo nello stesso pasto associato alla vitamina C, presente in molte verdure oppure di consumare la frutta condita con il succo di limone.

È quindi importante assumere la cisteina, presente nella carne e nel pesce che è in grado di fare assorbire 2 o 3 volte di più il ferro e anche la Vitamina A, presente nella frutta e nella verdura di colore giallo e arancione, nel tuorlo d’uovo e nei cereali.

Questi sono solo alcuni dei consigli per l’assunzione corretta del ferro in caso di anemia, ma secondo noi, un ottimo supporto può arrivare dalla scelta di assumere il ferro colloidale, perché il prodotto  in questo caso è utilissimo, e in più si rivela ottimale anche per chi presenta carenze di ferro.

La carenza di ferro si manifesta solitamente con stanchezza cronica, affaticamento, ma anche con cefalea frequente, palpitazioni, suscettibilità alle infezioni e con sintomi più evidenti come bruciori alla lingua, piccole ragadi agli angoli della bocca e una globale fragilità di unghie e capelli, che diventano secchi e fragili.

Perché integrare il ferro?

 
ferro colloidale puro

Il rapporto ferro colloidale e anemia è importante da considerare perché l’assunzione del prodotto favorisce la formazione di emoglobina e globuli rossi, assicurando la corretta ossigenazione del sangue.

Questo beneficio si rivela inoltre in una stimolazione delle funzioni del fegato, della milza, dell’intestino e anche del midollo osseo.

Oltre a tutti questi benefici, il rapporto ferro colloidale e anemia è importante per chi non riesce ad assumere il ferro in altre forme, soprattutto in pastiglie effervescenti, perché queste formule causano nausea, mal di stomaco, sensazione di aria in pancia e feci molli anche dopo parecchie ore dall’assunzione.

Molte persone purtroppo interrompono l’assunzione del ferro perché vedono verificarsi questi sintomi così spiacevoli e si tratta di un rischio per il benessere, soprattutto in caso di anemia o di carenze di questo minerale.

Come fare allora?

Il ferro colloidale è una formulazione sicura, assolutamente naturale e che non presenta queste controindicazioni, perché viene bene accettata e soprattutto entra subito in funzione nell’organismo svolgendo al meglio la sua azione benefica.

Il ferro colloidale è infatti una soluzione di minerale sospeso ad alta concentrazione e bastano 15 spruzzi al giorno per provvedere a un’integrazione semplice, igienica e sicura del minerale.

Il sapore è delicato e il ferro entra subito in azione perché viene assorbito immediatamente dalle muscose orali, senza dover passare per la ‘barriera’ dello stomaco.

Ecco perché il rapporto fra ferro colloidale e anemia merita di essere considerato non solo da chi soffre di questo grave problema, ma anche da chi desidera integrare il minerale perché ne è carente.

Il tutto in modo semplice, beneficio ed efficace.

Scopri subito qui tutti i benefici del prodotto per il tuo benessere e la tua salute.

  • Nessun prodotto nel carrello.
Share via
Copy link
Powered by Social Snap